Posizione

Mercoledì, 17 Gennaio 2018 15:11

Cavallo Pazzo e le sue avventure nella scienza

"Una professione magnifica, che ritengo riempia la vita, dia entusiasmo e faccia sentire liberi", così Francesco Blasi, autore di "Cavallo Pazzo: avventure di un biologo molecolare" definisce il lavoro di scienziato, con lo stile semplice e diretto della sua penna e con l'entusiasmo che ancora oggi trasmette il suo sguardo dopo oltre 50 anni di carriera partita da Napoli, dove Francesco Blasi è stato anche Direttore dell'IGB tra il 1980 e il 1984, e proiettata sul piano internazionale.

Ne parliamo con l'autore e con altri illustri ospiti il 2 febbraio 2018 all'Istituto di Genetica e Biofisica del CNR - Via Pietro Castellino 111, Napoli.

Gentilissima Professoressa Serino,

desidero ringraziare tutta la Federazione Italiana delle Scienze per la Vita (FISV) per aver dato ai nostri studenti la possibilità di partecipare da protagonisti alle due giornate dei FISV Days 2017.

L'atmosfera che si è creata, sia nell'Aula Magna della "Sapienza" che nell'Aula Magna della Cavallerizza, è stata anche per i nostri alunni molto stimolante e ha accorciato le distanze tra il mondo degli scienziati e quello della scuola. Rispetto alle scorse edizioni la partecipazione al concorso ha consentito ai ragazzi un coinvolgimento più consapevole, favorito dagli approfondimenti da loro effettuati per la realizzazione dei video che, tengo a precisare, sono stati prodotti in modo autonomo ed originale sulla base degli studi e delle conoscenze acquisite a scuola.

Giovedì, 09 Novembre 2017 16:19

La barzelletta dell'Università

Uno studente tedesco, uno francese e uno italiano si iscrivono all'Università...

Il 20 Settembre u.s. è stato pubblicato dalla rivista Nature e ripreso da diversi giornali e televisioni, un importante studio che si è avvalso dell'editing del genoma umano per studiare i meccanismi molecolari dello sviluppo precoce di embrioni umani.

La scoperta è frutto di uno studio internazionale coordinato dalla ricercatrice Kathy Niakan, presso "The Francis Crick Institute" di Londra, UK.

Lo studio ha utilizzato la tecnica CRISPR/Cas9 per approfondire i meccanismi molecolari di sviluppo degli embrioni umani e in particolare il ruolo del gene OCT4, che in questo contesto si è rivelato essere fondamentale. Il sistema è stato utilizzato per generare mutazioni nel gene OCT4 in embrioni fecondati in vitro, osservandone poi le fasi iniziali di sviluppo, sempre in vitro.

Venerdì, 29 Settembre 2017 11:26

Se la burocrazia allontana la scienza

Caro direttore,
lo European Research Council premia la crema dei giovani ricercatori e ogni nazione che guardi al suo futuro fa a gara per accogliere e sostenere il maggior numero possibile di queste giovani promesse.
Le cifre, purtroppo, disegnano uno scenario desolante per il nostro Paese. Il numero di italiani, francesi e tedeschi che hanno ottenuto il finanziamento è paragonabile, a testimonianza che la nostra formazione è buona. Ma fra i vincitori pochissimi hanno scelto di lavorare in Italia, e di questi ancora meno vengono da altri paesi.
I nostri migliori ragazzi lasciano l'Italia per realizzare le loro aspirazioni, prepariamo menti raffinate, ma ce le facciamo soffiare e non siamo in grado di attrarne altrettante. Il tessuto culturale e burocratico del nostro Paese allontana stranieri e italiani allo stesso modo. Le cause del declino vanno ricercate nella continua riduzione del finanziamento alla ricerca di base che ha fatto scendere l'Italia agli ultimi posti in Europa in questa particolare classifica.
I finanziamenti Erc sono estremamente competitivi e di fatto accessibili solo a ricercatori che hanno una solida e pluriennale esperienza. Senza finanziamenti alla ricerca di base, i laboratori italiani non possono offrire le condizioni affinché i loro migliori giovani possano competere con qualche speranza di successo.

La risposta dello scienziato Italiano Michele Pagano (New York University, USA) ai governi che vogliono trattare la scienza come un business: "Quando la scienza diventa un business, quello che diventa importante non è più la qualità del prodotto, ma se vende oppure no".

| Leggi l'articolo |

Il 2 Agosto è stato pubblicato dalla rivista Nature e ripreso da giornali e televisioni un importante risultato nell'editing del genoma umano con potenziali ricadute mediche ed etiche.
La scoperta è frutto di uno studio internazionale coordinato dal ricercatore Shoukhrat Mitalipov dell'università dell'Oregon negli Stati Uniti. Lo studio ha riguardato la correzione in embrioni umani di una mutazione nel gene MYBPC3 che, quando presente, è responsabile in maniera dominante di una forma di cardiomiopatia ipertrofica e di possibile morte improvvisa.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information